Quando prenotare le vacanze: tempistiche e destinazioni

Avete deciso di andare in vacanza ma non sapete quando prenotare voli ed hotel? Partiamo dal presupposto che quando si scegliere che tipo di viaggio vivere, è fondamentale prenotare tutto per tempo per poter usufruire di sconti e promozioni vantaggiose. Per questa ragione, abbiamo deciso di aiutarvi a definire, sulla base delle destinazioni prescelte, quando sarebbe meglio prenotare il vostro viaggio dei sogni.

1. Vacanze in Europa

Quando si prenota una vacanza all’estero, nello specifico in Europa, il nostro consiglio è quello di prenotare volo e hotel almeno 5 mesi prima. In modo particolare, se desiderate andare in Spagna, meglio prenotare 4 mesi prima, mentre per quanto concerne Berlino è consigliabile accaparrarsi camera e volo 9 mesi prima della partenza. Pare infatti che le tariffe subiscano una flessione di almeno il 15% per ogni città del Vecchio Continente. Ciò vale anche se desiderate vivere un’esperienza via mare, magari prenotando vacanze in barca a vela Grecia Cicladi o crociere.

2. Viaggio negli Stati Uniti

Se invece dovete prenotare il vostro viaggio di nozze o semplicemente la vacanza della vita negli Stati Uniti, allora meglio preparare il tutto 3 mesi prima della partenza. Il risparmio è circa del 9% ed è destinato ad aumentare soprattutto per quanto concerne città popolose e attrattive come New York e Las Vegas.

3. Viaggio in Sudamerica

Dopo aver parlato degli Stati Uniti, arriva il momento di considerare il Sudamerica. In linea di massima, anche in questo caso sarebbe meglio prenotare 3 mesi prima del giorno fatidico. Nello specifico, però, se desiderate andare in Argentina, potete anche aspettare 6 mesi, mentre per il Brasile ne bastano anche 5 per un risparmio davvero considerevole.

4. Viaggio in Medio Oriente

Per un viaggio in Medio Oriente non servono tanti mesi d’anticipo per la prenotazione, difatti ne bastano semplicemente due. Se desiderate organizzare un viaggio o Dubai e Abu Dhabi, prenotando con questo anticipo potreste addirittura risparmiare del 28% il prezzo della camera e quello del vostro volo.

5. Viaggio in Africa

Se invece desiderate andare in Africa, vi consigliamo di prenotare almeno 4 mesi prima della partenza per usufruire delle offerte più vantaggiose per voi. Così facendo, ogni viaggiatore potrà risparmiare circa il 10% di tutte le spese per il proprio albergo o volo.

Brisbane, una guida alla scoperta della perla del Queensland

Tra le grandi mete dei viaggiatori moderni, l’Australia rappresenta un immaginario nel quale l’avventura è ancora plausibile con diverse opportunità d’incontro tra uomo e natura, sia flora che fauna.
Brisbane è la città/capitale del Queensland, metropoli popolosa e moderna, meta d’inizio ideale per un viaggio in Australia dedicato alla scoperta di una fauna e di una flora uniche al mondo, irripetibili altrove.
L’Australia d’altronde è talmente vasta come territorio che, a meno che non disponiate di lunghi tempi di viaggio, sarebbe davvero impossibile visitare ogni singolo aspetto di un territorio ricco in biosfere, ecosistemi, cultura coloniale ed aborigena.
Dalle coste e dalle città metropolitane del sud sino ai territori del nord, ovviamente senza dimenticare l’immenso cuore, l’outback, l’Australia propone interessanti opportunità sulle quali riflettere e pianificare un viaggio.
Parlandovi del Queensland, e di Brisbane come città d’ingresso, non possiamo non considerare innanzitutto una pianificazione logica del viaggio partendo sia dalla ricerca di voli d’occasione (con un po’ di pazienza il web offre davvero interessanti opportunità di viaggio magari considerando scali intermedi di grande interesse turistico), ma sul web potrete facilmente e comodamente anche richiedere il vostro visto d’ingresso, in questo il portale Australia-Eta.com è perfettamente intuitivo e pratico nella compilazione.
Quindi Brisbane come base logistica dalla quale muoversi alla scoperta di un entroterra diverso rispetto alle pianure e praterie semi-desertiche, ma Brisbane anche come luogo dal quale partire per una delle esperienze più interessanti offerte dal nostro Pianeta: la Grande Barriera Corallina.

La Grande Barriera Corallina, un’esplosione di vita

Visibile come la Grande Muraglia dai satelliti, il coral-riff più grande al mondo è un laboratorio nel quale scienziati e biologi lavorano per capire dove il nostro Pianeta sta dirigendosi, in quale direzione potremmo muoversi collettivamente al fine di preservare una bio-sfera davvero incredibile.
La Grande Barriera Corallina è la vita stessa esaltata all’ennesima potenza, per quanto il surriscaldamento del Pianeta abbia determinato una profonda sofferenza dei coralli, il fulcro di tutta una bio-sfera composta da pesci di piccola e grande taglia, tra i quali squali, pesci pelagici, balene, delfini, così come tartarughe di grande mole, come la meravigliosa liuto, anemoni, anellidi, flora marina insomma, forse assieme all’Amazzonia e alla giungla indonesiana, uno degli ultimi santuari dove la natura ancora esalta la biodiversità nel pianeta.

La pianificazione del viaggio

Vi abbiamo a grandi linee illustrato questo angolo meraviglioso di vita, le coste del Queensland.
Se ipotizzate un viaggio in Australia dovrete però assolutamente considerare il visto d’ingresso il quale è proposto in alcuni portali, tra i quali Australia-Eta.com raccoglie ottimi consensi da parte di viaggiatori di tutto il mondo, grazie a diverse opportunità di scelta.
Semplicemente turistico o con l’eventuale considerazione di entrata anche lavorando per brevi periodi in modo da poter allungare la permanenza in Australia?
Siete studenti o volontari, ricercatori o lavoratori dipendenti di ditte locali?
Nessun timore: Australia-Eta.com è molto intuitivo nella definizione delle tipologie di visto, dei costi, nella compilazione dei form ma Australia-Eta.com è anche ideale per i pagamenti del servizio offrendo diverse opportunità online, selezionando il pagamento a voi più ideale.
Iniziate con tranquillità il vostro planning e come vi direbbe un australiano, “Good on ya”, cioè, hai svolto un ottimo lavoro!

Visitare la Puglia: 5 mete da non perdere

La Puglia sta diventando via via meta turistica per eccellenza, grazie alle sue spiagge mozzafiato e città incantevoli. Chiunque desideri visitarla, ha sicuramente un itinerario specifico da seguire, soprattutto se ha voglia di catturare la vera essenza di questa regione, definita il Tacco d’Italia.

Ma quali sono le mete esclusive da non perdere? Leggete questa guida e lo scoprirete.

1. Ostuni

Definita la Città Bianca, Ostuni è la meta ideale per chi vuole passeggiare nei suoi bellissimi vicoli in sella ad una bici. La cittadina che conta circa 32.000 abitanti, è perfetta per chi desidera rilassarsi e scoprire le bellezze del posto. Consigliamo di visitarla per più giorni, magari affittando una camera in uno splendido b&b a Ostuni, per carpire la vera essenza e i posti magnifici della città.

2. Gallipoli

La cittadina della movida dal mare cristallino. Gallipoli è la meta per eccellenza per chi vuole divertirsi e assaporare un po’ di cultura. Di giorno, ci si può rilassare passeggiando per il centro storico ricco d’arte e fascino, mentre di notte, via ai balli in discoteca e locali ad alta moda.

3. Alberobello

Se non siete mai riusciti a vedere i trulli dal vivo, è ora di farlo! Alberobello è una delle cittadine più famose e visitate d’Italia, grazie ai splendidi trulli che la costeggiano, che delineano la vera anima della Puglia. I trulli, spesso ospitano negozi caratteristici e possono essere visitati al loro interno. Tappa obbligatoria: il Trullo Sovrano, che accoglie al suo interno uno dei musei più storici della città.

4. Lecce

È il cuore del Salento, ricca di fascino e storia. Lecce, la città, simbolo del Barocco per eccellenza, pullula di bellezze architettoniche tutte da visitare ed ammirare. Fondamentale è fermarsi presso qualche ristorantino tipico, ad assaggiare i caratteristici “rustici” e “pasticciotti”.

5. Otranto

Definita la Perla del Salento, Otranto è il luogo ideale per chi ha voglia di fare qualche tuffo in una località storica e senza tempo. Il suo centro storico è stato inserito nella lista esclusiva dei Borghi più belli d’Italia, ed è luogo di turismo sia per giovani che per famiglie. Il nostro consiglio è quello di permanere più di un giorno per poter visitare anche il i paesi limitrofi, ugualmente incantevoli e suggestivi.

Viaggio nel Basso Salento: vacanza fuori dagli schemi

Il Basso Salento presenta peculiarità proprie che lo rendono diverso da qualunque altro contesto e che si distacca persino dalle caratterizzazione della parte alta della provincia di Lecce. case vacanze Torre Pali, b&b a Marina di Salve, hotel a Tricase registrano da anni una crescita sostanziale delle presenze, i turisti hanno compreso le potenzialità di località uniche e meritevoli di essere scoperte in tutto il loro splendore.

Dove l’Adriatico bacia lo Ionio

Santa Maria di Leuca, vertice basso della Puglia: un faro sormonta il tacco del Tacco e fa da baluardo ultimo dell’Occidente, dall’altra parte comincia l’Africa e i Balcani dall’altra parte. Lì, dove l’orizzonte non ha più terre da mostrare, avviene l’incredibile incontro tra le acque del Mare Adriatico e quelle dello Ionio. Le correnti di toccano senza attraversarsi e scolpiscono una trasversale che taglia l’acqua a metà, perdendosi fin dove l’occhio umano è in grado di scrutare.

Dolmen e menhir

Il Salento accoglie un’abbondanza di megaliti, tracce primarie di un passato antichissimo e testimonianza delle prime popolazioni di Messapi che, oltre 30 mila anni fa, crearono piccoli insediamenti lungo il lembo finale della penisola salentina. La città di Giurdignano conta, da sola, una decina di menhir mentre a Martano, cuore della Grecìa Salentina, si eleva uno dei menhir più alti d’Europa, di quasi 5 metri, il menhir di Santu Totaru. Reperti ricchi di significati, molti dei quali presentano una croce incisa sulla pietra a documentare il processo di cristianizzazione che interessò il Salento durante la Controriforma cattolica.

E poi i dolmen e le pajare, costruzioni a secco che caratterizzano le campagne salentine e le accendono del bianco della sua pietra calcarea.

Folclore

Il folclore del Salento è un capitolo sterminato. Nella provincia di Lecce, la tradizione non è solo parte dei costumi e delle abitudini della cittadinanza ma orienta ogni decisione e ogni pensiero. Essere salentini significa sentirsi parte di una dimensione che non è regione, non è stato ma ciò nonostante ha una propria giurisdizione e una propria lingua. Il folclore della pizzica pizzica, canto di dolore e di catarsi contro le frustrazioni della vita di campagna e la povertà; la tradizione del cibo, che riflette un retaggio retrogrado figlio dell’abbandono istituzionale; le consuetudini del dialetto, che resta oggi la prima lingua utilizzata in paese e che è manifesto di appartenenza a una fede. Il folclore del Salento si percepisce nell’aria, è il filo conduttore di un territorio che non può essere spiegato ma solo vissuto.

Ostuni, Otranto, Specchia: incantevoli borghi di Salento

Il Salento è la meta di riferimento principale dell’estate Made in italy. Negli ultimi dieci anni, il Tacco d’Italia è stato protagonista di un vero e proprio boom che lo ha consacrato come destinazione preferita dai giovani ma sempre più apprezzata anche da target differenti e variegati per età e interessi. Accanto alle attrattive del mare, però, il Salento offre tantissimo altro; un esempio è fornito da borghi incantevoli e capace di sedurre al primo sguardo, che si perdono in una storia unica e nelle suggestioni della pietra.

Ostuni

Ostuni sorge ai piedi della Valle d’Itria e si pone come ideale ultimo baluardo del confine nord del Salento. Il borgo della città, posto oltre 200 metri sopra il livello del mare, è considerato tra i più caratteristici d’Italia per via del profilo bianco che lo caratterizza. Case, palazzi, negozi del cuore ostunese sono coperti di calce, un artificio che gli abitanti utilizzano da secoli per favorire il rifrangersi dei raggi del sole nel dedalo di vie strette che caratterizzano il centro storico. Ogni b&b Ostuni lavora a pieno regime in estate e inverno e il turismo ostunese ha saputo svincolarsi dalla dipendenza dalla stagione estiva. La città bianca, così è definita Ostuni, brilla di luce propria.

Otranto

Otranto sorge sulla costa adriatica nel cuore della penisola salentina ed è una delle mete di riferimento del tacco. Il borgo conta appena 5.000 abitanti ed è stato inserito nell’elenco ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) dei borghi più belli d’Italia. Il centro storico idruntino è cinto da mura antiche e da una porta, attraverso la quale si accede alle parte vecchia. Lì la città si innalza fino alle mura del castello, posto a strapiombo sul mare d’Otranto e gli anfratti angusti del posto disegnano un tracciato incantevole. All’interno della cattedrale di Otranto sorge anche il più grande e misterioso mosaico pavimentale d’Europa, il cui significato autentico resta ancora oggi criptico e inaccessibile.

Specchia

Specchia è un comune che non supera 6.000 abitanti e, anch’esso, fa parte dell’elenco ANCI dei borghi più belli d’Italia. All’interno del centro del borgo, chiuso al traffico e recintato da rampe di scale, è possibile godere di un vero e proprio manifesto spontaneo delle arti e delle correnti tipiche dei secoli XVI – XVII. Chiese, palazzi, edifici militari si susseguono nel tessuto urbano con disarmante ricorsività, in una dimensione estetica preservata nella sua interezza e autenticità da quasi mezzo millennio.

Guida al viaggio di nozze perfetto

Difficilmente si rinuncia al viaggio di nozze, basilare per la buona riuscita finale del proprio matrimonio e, questo, per una serie di motivi: uno tra i più importanti, è proprio quello del viggio in sé, come uno tra i più importanti della vita di una coppia che ha appena coronato il proprio sogno d’amore. Esistono tempistiche diverse per effettuare i viaggi di nozze, infatti, ci sono coppie che decidono d’intraprendere partenze per una sola settimana, quindi per un breve periodo, ed altre, invece, che optano per viaggi più lunghi e duraturi; in entrambi i casi, l’organizzazione è un aspetto essenziale per la buona riuscita del viaggio di nozze.

Vediamo in questa guida come organizzare un viaggio di nozze perfetto

Se avete intenzione di realizzare un viaggio di nozze a regola d’arte, dovreste realizzare un piccolo planner e iniziare a definire tutti i dettagli, almeno sei mesi prima; se, invece, non volete affidarvi alla vostra totale autonomia, potreste sempre optare per un’agenzia viaggi. In entrambi i casi, comunque, ci sono degli aspetti positivi: in totale autonomia, risparmierete sicuramente sui costi di una probabile agenzia viaggi che potrebbe definire il vostro itinerario, mentre, rivolgendovi ad un’agenzia vacanze, questa potrebbe semplificarvi il lavoro, definendo costi di pernottamento, vitto, trasporti, prenotazioni, richiesta di visti ed altre spese, per la buona riuscita del viaggio. Inoltre, un’agenzia viaggi è in grado, anche, di realizzare la cosiddetta “lista viaggio”.

Una “lista viaggio” è molto simile alla lista nozze e, recentemente, sta prendendo piede come degna sostituta di quest’ultima: non è altro che un piccolo fondo d’investimento in cui gli invitati, i parenti e gli amici, possono versare una quota partecipativa per il finanziamento del viaggio di nozze.

Altro aspetto molto importante nell’organizzazione di un viaggio di nozze perfetto, è la ricerca di un fotografo per matrimonio, che ha il compito fondamentale di immortalare su carta fotografica i momenti più significativi, divertenti e commoventi della propria luna di miele, tanto da rimanere indelebili nella storia della coppia di neo sposi.
A riguardo, invece, della destinazione del viaggio di nozze, non c’è che l’imbarazzo della scelta; infatti, esistono una moltitudine di mete di viaggio, adatte proprio ad ogni esigenza personale ed economica. Basta solo scegliere e partire!

Esistono, infatti, viaggi di ogni genere: viaggi di gruppo, viaggi in coppia, viaggi fly e drink, viaggi alla scoperta della natura selvaggia, viaggi on the road, viaggi free style, viaggi nel mondo enogastronomico, religioso, low budget e ovviamente, viaggi dedicati alla commemorazione di un momento così importante, come la luna di miele!