Cos’è un video aziendale?

Nella sua forma più semplice, un video aziendale è qualsiasi video prodotto da una società o organizzazione. Mentre molte persone associano i video aziendali ai video promozionali del profilo aziendale, la verità è che puoi usarli su tutti i canali della tua attività e per scopi diversi.

Ecco perché stai leggendo questo articolo, per conoscere i diversi modi in cui la tua azienda può sfruttare i video aziendali per migliorare sia le comunicazioni interne che esterne. Forse stai iniziando da zero e hai bisogno di un’idea per il tuo primo video. Oppure stai già utilizzando i video aziendali come parte della tua strategia aziendale e, visto il successo, hai bisogno di ispirazione per altri modi per trarne vantaggio.

Le tipologie di questi video contenuti sono uguali per tutti e quindi i video aziendali a Milano, così come a Berlino o altre città business sono suddivisi in 4 categorie: video orientati alla vendita, video sull’esperienza del cliente, video sulla consapevolezza del marchio e video sull’uso interno.

1.Video educativi

 (How-To)

Creare contenuti che aiutino le persone a imparare qualcosa di nuovo, fare qualcosa che non sanno fare o semplicemente rispondere a una domanda che potrebbero avere, è uno dei modi più efficaci per connettersi con il pubblico target e stabilire fiducia nel proprio marchio.

Quando le persone hanno un punto dolente o difficoltà con qualcosa, uno dei primi posti in cui cercheranno aiuto è Google. Se il tuo Brand può dare loro la risposta giusta, non ti dimenticheranno.

2.  Video Onboarding dei clienti

Hai completato la vendita. Il tuo potenziale cliente è ora un cliente reale. Tutto fatto? Non proprio.

Con l’aumento della concorrenza, ottenere il cliente non è abbastanza. Devi assicurarti che tutta la loro esperienza con il tuo prodotto proceda senza intoppi. Farlo può fare la differenza tra un cliente occasionale e un cliente abituale che diventa un ambasciatore del marchio per te, portando più clienti.

I video  onboarding dei clienti (o degli utenti) sono video didattici che fungono da messaggio di benvenuto e “istruzioni” per il tuo prodotto riuniti in uno solo. Questi video aziendali sono importanti perché aiutano i tuoi clienti a ottenere il massimo dal tuo prodotto non appena ne hanno accesso.

3. Video tutorial

Questi video aziendali sono simili nello stile e nella sostanza ai “Video didattici” menzionati sopra, ma con una sola eccezione. Sono più specifici nel loro campo di applicazione. Cioè, lo scopo di questi video è aiutare i clienti esistenti a ottenere il massimo dal prodotto che stanno utilizzando. Utilizzati regolarmente per i prodotti software, possono fungere da aspetto supplementare del servizio clienti fornito.

Puoi usarli come video didattici introduttivi che insegnano ai nuovi clienti come utilizzare diverse funzionalità o strumenti disponibili nel tuo software. Oppure puoi anche personalizzare i tutorial per i tuoi utenti più esperti che vogliono conoscere  tattiche avanzate.

Le aziende hanno trovato un modo per rendere meno noiosi i loro report annuali

Quando il produttore tedesco di prodotti chimici Covestro AG ha iniziato a redigere la relazione annuale per il 2019 ad agosto, i dirigenti hanno optato per un cambiamento. Invece di produrre un rapporto ricco di testo, la società ha deciso di pubblicare una versione digitale con messaggi video, grafica interattiva e persino un quiz.

Perché non importare questi video aziendali a Milano o in altre aziende italiane?

Non è cambiato solo il formato del rapporto annuale, ma anche lo scopo. Covestro ha trasformato ciò che molte aziende vedono semplicemente come un requisito normativo in una risorsa per un pubblico più ampio per saperne di più sull’azienda. “Dietro le nostre figure ci sono storie emotive che vogliamo raccontare, indipendentemente dal tempo, dal luogo e dal dispositivo”, ha affermato Thomas Toepfer, responsabile finanziario dell’azienda.

Per molte aziende, le relazioni annuali non sono più semplicemente tomi di legalese, tabelle e note a piè di pagina. I dirigenti producono sempre più riepiloghi di fine anno che consentono un maggiore coinvolgimento dei lettori e un consumo più semplice su dispositivi mobili e schermi di computer.

I rapporti annuali per il 2019 delle società FTSE 100 hanno fornito migliori spiegazioni sulla loro attività, potenziali minacce alle loro operazioni e come hanno creato valore per le parti interessate rispetto agli anni precedenti, secondo una ricerca pubblicata a gennaio dalla società di consulenza britannica Radley Yeldar Ltd.

“La tendenza nella rendicontazione aziendale è quella di fornire un quadro più completo del modello di business, delle prestazioni e delle prospettive di un’azienda”, ha affermato Lisa French, direttore tecnico dell’International Integrated Reporting Council, una coalizione di regolatori, setter standard, investitori, società e altri gruppi che si concentrano sul reporting aziendale.

L’evoluzione, che è stata più pronunciata in Europa che in altre parti del mondo, è stata guidata in parte dal cambiamento della regolamentazione. L’Unione Europea, ad esempio, ha emanato una direttiva di rendicontazione non finanziaria obbligando le grandi società quotate a riferire su questioni sociali e ambientali. Lo spostamento deriva anche dalla maggiore domanda degli investitori per i dettagli granulari presentati in modo facile da digerire.

British Land Co., ad esempio, ha cercato di produrre un rapporto annuale più leggibile eliminando il gergo e fornendo allo stesso tempo agli stakeholder informazioni per una comprensione globale dell’azienda.

“Operiamo in un settore che può essere molto tecnico ed è stato incline a usare il linguaggio del settore tecnico e molti acronimi di tre lettere”, ha dichiarato David Walker, responsabile delle relazioni con gli investitori di British Land, uno dei più grandi immobili del Regno Unito fondi comuni di investimento.

Nel 2019, Walker e un team di circa 10 persone hanno trascorso sei mesi a redigere, scrivere e revisionare il rapporto, sforzandosi di usare un linguaggio semplice evitando abbreviazioni come ERV, abbreviazione di valore locativo stimato. “Ci siamo chiesti:” Tutti conoscono ERV? “Forse no”, ha detto. British Land ora parla di “affitti futuri” per rendere le cose più facili per i lettori.

Negli Stati Uniti, i rigidi requisiti di segnalazione implicano che le società pubbliche tendono ad attenersi a un approccio più formale e pieno di testo. Le società che segnalano alla Securities and Exchange Commission i cui azionisti votano sulla nomina degli amministratori restano tenute a presentare una versione stampata della relazione annuale del modulo 10-K e inviarla agli azionisti per posta. 

Le società quotate negli Stati Uniti hanno anche aumentato costantemente il numero di parole utilizzate nelle note a piè di pagina per spiegare meglio i dati finanziari, secondo Audit Analytics, una società di ricerca che analizza i documenti finanziari. Il numero medio di parole nelle note a piè di pagina per 10 K era di 22.905 nel 2019, rispetto ai 18.821 del 2014, ha affermato Audit Analytics.

Ma la rivoluzione applicata da Covestro ha apportato dei vantaggi importanti: la revisione del rapporto annuale di Covestro sembra aver portato a un maggiore coinvolgimento con gli investitori, ha affermato Toepfer. Le visualizzazioni della pagina sono aumentate, il numero di commenti è aumentato e l’azienda ha ottenuto più menzioni nei social network, ha detto.

Come impostare una strategia di video marketing efficace

Sempre più aziende, oggi, scelgono di investire in strategie di video marketing per rafforzare il proprio brand online. In effetti, i video rappresentano una risorsa dalle potenzialità enormi perché è il contenuto maggiormente in grado di conquistare la simpatia e la considerazione degli utenti, il più virale e quello che resta più facilmente impresso nella memoria.

Ovviamente, per articolare un piano vincente non basta realizzare video aziendali e pubblicarli su YouTube e sui social network. Perché una strategia di video editing si riveli efficace, è necessario strutturare un piano che prenda in considerazione ogni aspetto, dall’ideazione alla pubblicazione alla successiva pubblicizzazione, secondo un approccio consapevole e analitico.

Impostare una strategia mirata

La priorità è definire i propri obiettivi e i linguaggi più adatti a perseguirli. La vecchia concezione del video aziendale visto come una sorta di presentazione della società è morta, oggi i video sono uno strumento attraverso cui costruire un ponte tra l’impresa e gli utenti. Ciò significa essenzialmente tre cose: conoscere i punti di forza dell’azienda; metterli in risalto attraverso l’ideazione di un format adatto; conoscere il proprio target di riferimento.

Punti di forza aziendali

La prima fase è quella dell’auto-analisi, durante la quale si delineano le opportunità a disposizione dell’azienda. Per quale motivo i consumatori dovrebbero scegliere noi e non un nostro competitor? Quali servizi offriamo che ci rendono una scelta preferibile agli altri?

Ideazione di un format

Individuati i punti di forza, si passa alla fase della progettazione del video. Qui, il nodo da sciogliere riguarda lo stile, il linguaggio e il format più adatti a veicolare i punti che sono stati individuati come l’arma vincente. Meglio un video che giochi sullo humor o è preferibile giocare sull’emotività? Investire su una serie di tutorial che mettano in risalto la professionalità dell’impresa o un corto di pochi minuti che intrattenga il consumatore e crei affezione?

Analisi del target di riferimento

Linguaggio e format dipendono inevitabilmente anche dal pubblico cui ci rivolgiamo, oltre che dal settore merceologico in cui si opera e dall’identità aziendale che è stata delineata nel corso del tempo. L’obiettivo è quello di colpire l’attenzione degli utenti e tale obiettivo può essere perseguito in diversi modi. Conoscere il proprio target, le preferenze, o trend, significa comprendere il linguaggio più adatto allo scopo e agire di conseguenza. L’azienda ha il compito di avvicinarsi alle aspettative del pubblico e non può pretendere che sia quest’ultimo a interessarsi ad essa. Qui sta forse l’essenza stessa di una strategia di video marketing.