3 segreti base per arredare la camera di un hotel con gusto

Vi piacerebbe arredare la vostra camera d’albergo come fosse una suite o comunque nel modo più lussuoso possibile? Partiamo dal presupposto che se c’è qualcosa che realmente guardano i clienti quando entrano in un hotel è sicuramente la camera. Questa deve essere impeccabile sia nell’ordine che nella pulizia ed eleganza. Di fatti, chi non vorrebbe alloggiare in una stanza graziosa ma soprattutto ricca di ogni comfort?

Ebbene, detto ciò, ecco come fare ad arredare una camera in modo lussuoso e soprattutto attento in ogni dettaglio.

1. Usate accessori ad hoc

Gli accessori possono fare davvero la differenza nell’arredo di una camera d’albergo. Cercate quindi di utilizzarli e servirvene curando tutto in modo minuzioso. Potete, ad esempio, inserire una serie di cuscini eleganti su ogni letto, mettere delle tende che garantiscano privacy e bellezza alla stanza, oppure inserire dei quadri in grado di impreziosire e rendere più colorato e brioso tutto l’ambiente. Insomma, curate ogni centimetro della stanza, in modo tale da renderla davvero impeccabile e non solo elegante.

2. Puntate su colori neutri delle pareti

Se in passato le più classiche camere d’albergo possedevano carta da parati o comunque pareti particolarmente colorate, da un po’ di tempo a questa parte non è più propriamente così. Ogni hotel tende a privilegiare dei colori neutri e discreti che conferiscono ugualmente lusso ed eleganza ad una camera lussuosa. Per questo vi consigliamo di servirvi, ad esempio, del bianco, dell’avorio, del beige e massimo del grigio, per la pittura delle pareti, in modo tale da non renderla troppo invasiva e comunque stancante agli occhi.

3. Curate l’illuminazione del luogo


L’illuminazione è un altro fattore assolutamente da non trascurare per chi desidera arredare una camera d’albergo con lusso ma eleganza. Ogni esperto di arredo hotel Milano, infatti, consiglia di utilizzare per lo più lampade da tavolo, da parete, illuminazione da terra o comunque ogni supporto in grado di generare giochi di luce che conferiscano benessere e una sensazione di relax a tutta la stanza. Tra l’altro, parliamo di un’illuminazione davvero poco costosa e facilmente reperibile subito e ovunque.

Macchine per la saldatura e la verniciatura: come sceglierle?

Le aziende che operano nel settore della lavorazione dei metalli, hanno ovviamente bisogno di disporre di macchine per la saldatura di altissimo livello. Lo stesso vale per tutte quelle aziende che devono verniciare varie tipologie di superfici. Anche loro hanno bisogno di macchinari di qualità. Ma come riuscire a riconoscere la ditta che fornisce le migliori macchine?

Ci sono a nostro avviso alcune caratteristiche che dovete assolutamente prendere in considerazione:

  • Deve trattarsi di una ditta professionale, che opera in questo settore da molti anni e che ha un team di persone molto competenti. In questo modo la ditta non sarà solo in grado di garantirvi la scelta dei migliori prodotti in assoluto, ma potrà offrirvi un servizio di assistenza di altissimo livello. Avere un servizio di questo tipo a propria disposizione, significa non ritrovarsi a scegliere in modo autonomo quale sia la macchina più adatta per le proprie esigenze, bensì avere consigli utili e essere veicolati nella scelta al meglio. Non solo, significa anche vedere fugati tutti i propri dubbi e ottenere tutte le informazioni di cui si ha bisogno per utilizzare questi macchinari senza commettere alcun tipo di errore.
  • Deve trattarsi di una ditta che offre una gamma di macchine davvero molto vasta. Giusto per fare un esempio, una ditta che offre solo macchine saldatrici ad elettrodo, non sarà mai in grado di rispondere alle esigenze di ogni azienda. A seconda infatti della tipologia di lavoro che dovete realizzare, è possibile che per voi sia utile disporre casomai di una saldatrice tig oppure a filo. In catalogo insomma devono essere presenti tutte le versioni. Lo stesso vale ovviamente anche per le macchine da verniciatura. Impossibile garantire solo macchine che sanno verniciare con liquidi. Devono essere presenti in catalogo anche quelle che lavorano senza difficoltà con le polveri. Inoltre è bene ricordare che devono essere disponibili in catalogo macchine capaci di lavorare con ogni genere di materiale e su ogni possibile superficie.
  • La ditta su cui deciderete di fare affidamento non deve mai essere una mera venditrice di macchine, ma deve anche garantire accessori per ogni macchinario e per ogni attività che dovete portare avanti, materiali di consumo e ovviamente ricambi. Non solo, deve essere una ditta che si occupa in prima persona della manutenzione delle macchine, meglio se inoltre con una manutenzione programmata a lungo nel tempo.

Sono numerose insomma le caratteristiche che è bene prendere in considerazione. A differenza di ciò che si potrebbe pensare, sono molte le aziende italiane che rispondono fortunatamente a tutti questi requisiti. Ci sentiamo in dovere di segnalare in modo particolare la Temar srl, che potete scoprire direttamente al sito internet www.temarsrl.com. Si tratta di una ditta che risponde ad ogni singola caratteristica elencata e che inoltre è in grado di garantire anche cabine di verniciatura di altissima qualità, nonché isole robotizzate per la saldatura.

La possibilità di automatizzare e robotizzare le realtà che si occupano di saldatura è di fondamentale importanza oggi come oggi, tecnologie queste che infatti consentono di ottenere una netta riduzione delle tempistiche di lavorazione, con l’eliminazione di ogni possibile errore umano alla radice, e la riduzione inoltre dei costi di produzione. Le realtà che si occupano di saldatura possono insomma diventare sempre più performanti e questo significa poter sbaragliare la concorrenza e mettersi sulla strada del successo in modo semplice. La Temar srl inoltre garantisce anche la possibilità per le macchine saldatrici di effettuare il controllo di calibratura, con il rilascio dell’apposito certificato.

3 piatti assolutamente da dimenticare se si vuole dimagrire

Avete intenzione di perdere peso e vi piacerebbe sapere cosa sarebbe bene evitare di mangiare per riuscire a dimagrire anche grazie ad una corretta alimentazione? Dopo le feste, ci si ritrova tutti un po’ troppo sovrappeso ed ovviamente così urge cercare di tornare in forma il più presto possibile.

Ma come? Quali sono gli alimenti che è assolutamente vietato mangiare se si desidera perdere peso in poco tempo e in modo sano? Ecco di seguito tutti gli alimenti assolutamente NO!

1. Patatine fritte o comunque tutto ciò che è fritto

Amate tantissimo le patatine fritte? Allora sappiate che dovrete rinunciarvi se desiderate dimagrire per davvero. Un piatto di patatine, infatti, contiene circa 150 calorie, una dose davvero enorme. Ciò è dovuto alla presenza dell’olio, acquistati da siti di vendita olio online, che ricco di grassi saturi rende il piatto poco sano e soprattutto estremamente ricco di colesterolo. Meglio quindi mangiare le patate in modo più sano, magari al forno o comunque lesse. Certo, questi piatti non sono comparabili con la frittura ma possono comunque darvi grandi soddisfazioni.

2. Alcolici

Anche gli alcolici contribuiscono a far aumentare il peso, o peggio la pancia. Questo perché l’alcool presente semplicemente gonfia a dismisura, soprattutto la parte degli addomi. Meglio quindi bere semplicemente acqua, un alimento che fa davvero bene, vi aiuta ad eliminare le tossine e soprattutto a dimagrire. Ovviamente, abbiate cura di evitare di bere anche bibite gassate, poiché troppo zuccherate e comunque dannose alla salute a lungo andare.

3. Alimenti confezionati o surgelati


Gli alimenti confezionati, come cibi pronti o acquistati dai distributori automatici, non sono solo grassi ma anche pieni spesso di conservanti davvero pericolosi per l’organismo. Parliamo, ad esempio, di tramezzini o comunque alimenti pronti perfetti ad esempio da portare in ufficio. Meglio quindi prepararsi qualcosa di proprio e soprattutto con le proprie mani. Ciò vale anche per i prodotti surgelati, spesso definiti come al forno ma in realtà già precedentemente fritti. Cercate di prendere l’abitudine di cucinare da zero evitando la comodità dei piatti già fatti in modo da sapere per davvero cosa mangiate senza sorprese.

Come si arreda una casa in stile industrial: consigli pratici

Avete appena contattato un’impresa di ristrutturazioni edili Lecce per la ristrutturazione della vostra casa e state già cominciando a pensare al tipo di arredo da utilizzare? Iniziamo col dire che potete scegliere davvero tra diverse tipologie di design, tutte una più bella dell’altra. In questa guida, però, abbiamo deciso di dar spazio ad un tipo preciso di arredo: quello industrial.

Si tratta di un arredamento a carattere industriale, che ricorda molto quello in fabbrica o comunque nei luoghi di lavoro, perfetto sia per case in città che in campagna.

Ma come si arreda una casa in stile industrial? Scopritelo in questa guida.

1. Attenzione ai colori

I colori da usare in una casa in stile industrial devono essere rigorosamente il grigio, il bianco, il nero e perché no, anche l’arancione. Si tratta di colori dalle tonalità calde, che ricordano di molto quelli utilizzati nelle fabbriche. Lasciate perdere invece le tonalità pastello, fin troppo fiabesche per un arredo così strong e di carattere.

2. Utilizzati mobili di riciclo

Esattamente come per il vintage, con una casa dal design industriale è molto importante utilizzare mobili perlomeno dall’aspetto riciclato. Se non li possedete o comunque non vi piacciono abbastanza, potete prenderne di nuovi ma dallo stile più antico, al fine di renderli armoniosi con tutto l’ambiente. Potete, in alternativa, anche invecchiarli, in modo tale da renderli più vecchi e soprattutto vissuti.

3. Curate anche la luce


La luminosità dell’ambiente è un altro fattore molto importante per questo tipo di abitazione. La luce, infatti, deve essere soffusa e non troppo forte o decisa. Il motivo? Donare un’atmosfera calda a tutto lo spazio, senza però eccedere troppo con il colore e l’intensità. È bene sottolineare che ciò vale per qualsiasi tipo di stanza, dalla cucina alle camere da letto, anche se nel primo caso, una luce un po’ più forte ed accesa non può che essere un fattore positivo.

3 fertilizzanti naturali per dare nuova vita ai tuoi fiori

Avete appena comprato una pianta da un fioraio online e vi state chiedendo che tipo di fertilizzanti utilizzare per un’eventuale concimatura? La maggior parte delle piante, per sopravvivere, ha estremo bisogno del concime, tuttavia non sempre si ha voglia di acquistare prodotti ad hoc, spesso anche dannosi per la pianta in questione.

Ebbene, esistono anche dei prodotti naturali, facilmente reperibili in casa propria, utili per questa occasione. Ma quali sono?

Ecco di seguito giusto i più comuni.

1. Fondi di caffè

I fondi di caffè sono senza dubbio i fertilizzanti più comuni e facilmente reperibili in casa. Hanno dalla loro il fatto di essere molto antiossidanti per via della grande quantità di azoto che rilasciano nel terreno. Alcuni utilizzano il fondo di caffè sbriciolandolo e successivamente cospargendolo nel terriccio in questione, altri invece ne creano un sottile strato. La cosa più importante è sempre e comunque quella di usare fondi di caffè già in precedenza essiccati, in modo da evitare la formazione di muffe sgradevoli.

2. Lievito di birra

Il lievito di birra è il prodotto perfetto per allontanare gli insetti dal vaso e come fertilizzante delle rose. Va utilizzato sempre diluito nell’acqua, in modo tale da creare giustappunto un liquido. Va inserito nel terriccio e solo dopo basta semplicemente usare l’acqua per una normale innaffiatura.

3. Bucce di banana


Anche le bucce di banana sono un perfetto fertilizzante fai da te, utile per rigenerare i fiori e soprattutto prolungarne la loro vita. Possono essere usate in due modi: nel primo, tagliando la buccia in piccolissimi pezzetti da inserire all’interno del terriccio, oppure sulla superficie; nel secondo, invece, lasciandole macerare nell’acqua per almeno 20 giorni, filtrando dopo il tutto e annaffiando la pianta con l’acqua ricca di sostanze giustappunto della buccia della banana. In questo modo, il vostro fiore avrà per davvero una nuova vita, il tutto con un prodotto naturale e fai da te.

Come realizzare un video emozionale: stratagemmi

Avete deciso di pubblicizzare la vostra azienda in modo più interattivo possibile? Allora, dopo aver realizzato un sito con l’aiuto di chi si occupa di realizzazione siti web Milano, non potete non realizzare anche un video aziendale. I video aziendali, infatti, hanno dalla loro la capacità di comunicare in modo immediato un messaggio ad un pubblico vasto ed eterogeneo. Un buon video aziendale non solo deve catturare l’attenzione dell’utente ma anche coinvolgerlo ed emozionarlo, in modo da lasciargli un ricordo ed incentivarlo ad avvicinarsi ad un brand.

Ma come fa un video aziendale a suscitare emozioni? Scopriamolo in questa guida.

1. Dovete raccontare una storia

La prima cosa da fare è cercare di raccontare una storia. Ma che significa? È molto semplice: un video è una sorta di mini film di pochi secondi. Ciò vuol dire che può servire per raccontare qualcosa in modo immediato ed interattivo. Ebbene, non sprecate questa opportunità creando video noiosi e statici. Cercate di mettere in scena una storia, che magari enfatizzi il vostro prodotto che promuovete o la vostra azienda. In questo modo, l’utente non solo si ricorderà di voi ma anche di quello che avete raccontato.

2. Puntate sulle emozioni

Un altro consiglio che ci sentiamo di darvi è quello di puntare il tutto per tutto sulle emozioni. Cercate di stimolare il lato umano dello spettatore, magari stimolandolo sia da un punto di vista positivo che negativo. La cosa più importante è puntare sulle immagini: queste devono essere calde, calorose e soprattutto strettamente empatiche. Meglio tralasciare l’aspetto grafico o tonalità più fredde. Puntate tutto sugli aspetti umani del vostro video ed il risultato sarà vincente.

3. Raccontate qualche tema importante


In ultimo, se volete davvero interagire da un punto di vista emozionale con i vostri spettatori, non vi resta che trattare qualche tema importante. Il vostro obiettivo non dovrà essere semplicemente quello di vendere o vendervi, bensì sensibilizzare il pubblico su un qualcosa di essenziale per l’umanità. Ovviamente, ciò dovrete farlo con assoluto rispetto e senza usare cause benefiche con il solo scopo di promuovervi. Dovrete unire l’utile al dilettevole ma sempre con cautela e magari facendovi aiutare da esperti nella realizzazione di video aziendali.