Cosa devi sapere sulla chirurgia di lifting facciale

Quindi vuoi fare un intervento di lifting facciale?

Ci sono molte ragioni per cui qualcuno vorrebbe sottoporsi a un intervento chirurgico di lifting ed è una procedura abbastanza comune! In breve, quello che succede è che la tua pelle è rassodata per ridurre le rughe che si verificano sul viso e sul collo. Questo rende la tua pelle tesa, giovane e liscia.

Un lifting permette alla tua pelle di ritrovare l’elasticità che normalmente perde con l’avanzare dell’età. Il nome più formale per la chirurgia del lifting è la ritidectomia. In generale, l’intervento chirurgico consente di eliminare le rughe, ma è necessario fare un lavoro extra per sollevare le sopracciglia o gli occhi.

Gli interventi di lifting facciale, sono così comuni e possono essere eseguiti solo da chirurghi plastici certificati. Se vuoi essere sicuro di trovare quello giusto per te cerca su Google “chirurgia plastica Verona” e cerca l’elenco con gli specialisti certificati.

Sebbene l’intervento chirurgico sia minore, ci sono ancora rischi associati a qualsiasi tipo di intervento chirurgico. L’intervento stesso è abbastanza efficiente e normalmente non richiede una degenza prolungata in ospedale. Inoltre, la maggior parte dei recuperi è super veloce e tornerai alla normalità in non più di un mese!
Per questo motivo, è davvero importante comprendere appieno cosa è coinvolto nella chirurgia di lifting facciale per determinare se è giusto per te!
Chi può sottoporsi a un intervento di lifting facciale
Si tratta di un intervento di chirurgia estetica, quindi a condizione che soddisfi i criteri generali, praticamente chiunque può eseguire l’intervento. In generale, un paziente dovrà avere una salute di buona qualità e nessuna condizione sottostante che potrebbe prolungare il processo di recupero. Inoltre, non è consigliabile che i pazienti che desiderano questo intervento utilizzino farmaci o fumino. Dovrebbero essere consapevoli che la loro faccia avrà un aspetto diverso e che i risultati non saranno dall’oggi al domani, quindi sii preparato mentalmente per alcuni lividi all’inizio! Anche la chirurgia di lifting facciale costa un po ‘di soldi. È ragionevole in termini di chirurgia estetica, ma avrai bisogno di qualche grande risparmio per permetterti la procedura.
Cosa succede durante un trattamento lifting facciale
L’intervento stesso è molto semplice. Il tessuto sotto la pelle viene spostato verso l’alto per levigare l’esterno della pelle e renderlo più stretto. Per fare questo, il chirurgo dovrà praticare una piccola incisione sulla fronte e poi scendere all’orecchio e dietro l’orecchio. Ciò consente al chirurgo di riposizionare il tessuto facciale sotto la pelle. La piccola incisione è sigillata con un tipo speciale di colla, se possibile, quindi non avrai bisogno di punti. Per prevenire qualsiasi infezione dopo l’intervento chirurgico, il tuo viso verrà avvolto con bende mediche e potresti aver bisogno di un tubo di drenaggio per evitare che il tuo viso si gonfi troppo.
Quali sono i rischi della chirurgia di lifting facciale
Proprio come per qualsiasi intervento chirurgico che richiede l’anestesia, ci sono alcuni rischi che possono verificarsi. Tuttavia, si dà molto per scontato che i lifting facciali siano completamente sicuri al 100% solo perché sono abbastanza comuni. Ciò non toglie che i rischi siano minimi. Le cose che potrebbero verificarsi includono sanguinamento, cicatrici, perdita di capelli e gonfiore. È importante parlare con il medico prima dell’intervento per discutere un piano per ridurre al minimo i rischi e creare un piano di recupero rapido da seguire. Vuoi sentirti sicuro durante l’intero processo e i medici possono davvero aiutarti!
Cosa succede dopo l’intervento di lifting facciale
Sarà molto raro che tu debba trascorrere del tempo in ospedale dopo l’intervento chirurgico. Se tutto va bene, ti verranno prescritte prescrizioni per il dolore, avvolto con medicazione medica e guidato a casa dal tuo partner o amico. Puoi aspettarti di ottenere un elenco di regole che il tuo medico vorrà che tu segua in modo che il tuo viso guarisca rapidamente e il gonfiore sia ridotto al minimo. Sebbene in generale il processo di recupero sia di circa due settimane, la tua pelle potrebbe richiedere fino a un anno intero per sentirsi di nuovo completamente normale. Il tuo tessuto si è spostato e tutto!
Ci sono suggerimenti per facilitare il trattamento?
C’è una serie di abitudini personali che puoi mettere in atto per aumentare le tue possibilità che l’intervento chirurgico vada liscio. Prima di tutto, non fumare né bere. Questo è qualcosa che non vuoi fare prima di qualsiasi intervento chirurgico! Inoltre, sii saggio con i tuoi farmaci e se stai assumendo cose come integratori o antidolorifici, riduci l’assunzione prima del giorno dell’intervento. Dovresti anche essere consapevole di quali prodotti per il viso stai utilizzando sulla pelle e informare il tuo medico della tua routine di cura della pelle prima dell’intervento. Ciò garantirà che la tua pelle non abbia reazioni negative al lifting.

Pavimenti in legno vs altri tipi diversi di pavimenti

I pavimenti in legno massello sono disponibili in molte strutture, tipi di profili e finiture differenti. È importante selezionare il giusto tipo di pavimentazione, in base alle esigenze e ai requisiti dell’area in questione. La domanda è: i tipi di pavimenti in legno sono superiori agli altri, come i pavimenti in laminato o in legno massiccio? In questo articolo, forniamo alcune informazioni sulle scelte disponibili, insieme ai rispettivi punti di forza e di debolezza.

Quali sono le differenze tra i tipi di pavimenti in legno?

Prima di tutto, non confondere il tipo di pavimento in legno con la specie o la varietà di legno, che determina il colore e il motivo del pavimento. I tipi di pavimento in legno si riferiscono al modo in cui il materiale viene assemblato, che si tratti di vinile, legno sintetico, vero legno duro o un composto di legno con impiallacciature. Tutti i tipi di pavimenti in legno hanno una bellezza naturale senza pari e si adattano a qualsiasi arredamento: moderno, tradizionale, commerciale, come lo chiami. Esistono cinque tipi principali di pavimenti in legno. Sono: pavimenti in vinile, laminato, parquet, massello e multistrato. Ecco alcuni dettagli su ciascuna variazione.

Pavimenti in vinile

Che cos’è?

Insieme al laminato, il vinile è uno dei tipi di pavimento più popolari. È adattabile ed è disponibile in una favolosa gamma di design e finiture. Il vinile è altamente resistente, il che significa che può essere utilizzato per simulare una varietà di design tra cui ceramica, legno duro, marmo e pietra.

Dove installarlo?

Grazie alla sua durata e versatilità, il pavimento in vinile funziona bene sia in interni domestici che commerciali. Può essere utilizzato in cucine, bagni e camere da letto.

Benefici

  • Il vinile è molto resistente. Resiste alla normale usura ed evita graffi e segni.
  • È poco costoso, motivo per cui è uno dei preferiti da molti proprietari di case.
  • L’installazione è veloce, poiché non comporta procedure complesse; questo può far risparmiare denaro sul costo del lavoro.
  • È disponibile in una varietà di design e stili per adattarsi a qualsiasi interno, commerciale o residenziale.
  • È resistente e di facile manutenzione, oltre ad essere antiscivolo (ottimo per animali domestici e bambini).

Inconvenienti

I pavimenti in vinile non resistono bene a carichi molto pesanti (quindi non sono adatti per spazi industriali) e possono essere segnati da oggetti appuntiti come scarpe con i tacchi alti. I colori possono sbiadire nel tempo con troppa esposizione alla luce solare diretta; per questo motivo il vinile non è consigliato come superficie esterna.

Pavimento laminato

Che cos’è?

Il pavimento in laminato è un prodotto di pavimentazione sintetica multistrato, fuso insieme da un processo di laminazione. Il pavimento in laminato è una superficie che simula il legno con uno strato di applicazione fotografica sotto uno strato protettivo trasparente.

Dove installarlo?

Salotti, studi e sale giochi. Alcuni prodotti includono un’anima impermeabile, il che significa che possono essere utilizzati in bagni e cucine.

Benefici

  • L’effetto finto legno dei pavimenti in laminato garantisce un pavimento con tutti i vantaggi estetici del legno, ma senza il fastidio della manutenzione e ad un prezzo più conveniente;
  • È facile da installare.
  • La superficie è anche meno soggetta a graffi e graffi, il che significa che è un prodotto durevole e durevole.
  • È disponibile un’ampia varietà di imitazioni di materiali naturali (dal legno alla pietra).

Inconvenienti

  • Anche il miglior pavimento in laminato non avrà l’aspetto o la sensazione esattamente come quello reale.
  • Se non è posato bene, può sembrare malandato.
  • Le giunzioni si consumano nel tempo e una volta che la superficie è danneggiata è difficile da riparare.
  • L’umidità lo gonfia facilmente e il danno è irreversibile.
  • Non può essere levigato o rifinito, come il legno massiccio, il che significa che deve essere sostituito.

Pavimenti in parquet

Che cos’è?

Il pavimento in parquet deve l’origine del suo nome alla parola francese, parqueterie, e risale al 1600. Tipicamente posati in uno stile geometrico e angolare, quadrati, losanghe e triangoli sono spesso presenti nei tradizionali pavimenti in parquet. A volte indicato come pavimento a mosaico, il pavimento in parquet è apprezzato per il suo effetto decorativo. I pavimenti in parquet possono essere realizzati in legno massiccio e ingegnerizzato in questi giorni. E riguarda proprio il parquet il trend che si è diffuso nell’ultimo anno: è aumentata notevolmente la vendita di parquet noce.

Dove installarlo?

Ha un aspetto migliore nei corridoi e nelle aree della reception in modo che possa essere mostrato regolarmente. Richiede un’atmosfera relativamente costante a causa della sua suscettibilità ai danni causati dall’acqua o dall’umidità.

Benefici

  • Il pavimento in parquet è elegante e aggiunge calore e bellezza alla maggior parte degli ambienti interni.
  • È relativamente facile da mantenere. Non è possibile utilizzare materiali abrasivi per pulirlo, ma spazzare e pulire regolarmente con prodotti compatibili mantiene il pavimento in parquet al meglio.
  • È durevole e di lunga durata.
  • Il pavimento in parquet aggiunge valore alla tua casa.

Inconvenienti

  • Il pavimento in parquet è suscettibile a graffi e rigature da piccoli oggetti appuntiti, come i tacchi a spillo con i tacchi alti. Una volta danneggiato, può essere difficile riparare e riportare il pavimento al suo aspetto originale.
  • Se esposto alla luce solare, il pavimento in parquet può sbiadire.
  • Come tutti i pavimenti in legno, il pavimento in parquet è soggetto a danni da umidità e umidità.
  • Richiede frequenti manutenzioni: è importante lucidare, carteggiare e sigillare secondo necessità; se ciò non viene fatto, il pavimento apparirà opaco e stanco nel tempo.

Come scegliere un’agenzia di comunicazione? Ecco qualche consiglio

Se hai bisogno di un’agenzia di comunicazione ma non sai come scegliere quella più adatta alle tue esigenze in questo articolo troverai degli ottimi consigli per procedere senza indugi. Mettiti comodo e prendi nota perché siamo certi che al termine di questa breve lettura avrai trovato le risposte a tutte le tue domande. 

1. Scegli la vicinanza ma non solo quella fisica

Il modo più veloce per trovare ciò che cerchiamo è fare una ricerca online. Difatti ti basterà digitare agenzia di comunicazione Milano sulla barra di ricerca di Google per ottenere una panoramica istantanea di tutte le agenzie che lavorano nella tua zona. Ma siamo sicuri che l’unico modo per scegliere sia la vicinanza fisica? Ricorda che con le attuali tecnologie è possibile lavorare a distanza e che i chilometri non sono più un ostacolo per realizzare grandi progetti. Se le tue richieste riguardano una presenza fisica, tuttavia, scegli pure in base alla distanza ma ricorda sempre di valutare l’agenzia anche rispetto alla vicinanza tra i servizi che offre e alle tue esigenze. 

2. Valuta i servizi rispetto alle tue richieste

Riprendendo quanto detto sulla vicinanza delle esigenze e dei servizi offerti la tua scelta dovrà ricadere su un’agenzia che sia specializzata nelle professionalità di cui hai bisogno. Lo stesso vale per il budget di cui disponi e per le figure professionali a cui verranno affidati i tuoi obiettivi. Per scegliere, quindi, dovrai valutare l’attinenza del campo di azione dell’agenzia con il tuo, andando a guardare quali sono i clienti già seguiti e se c’è una certa affinità tra il tuo business e le specializzazioni dell’agenzia. 

3. Controlla la reputazione senza scegliere a caso

Anche la reputazione di un’agenzia è importante ma se deciderai di valutarla attraverso il web sappi che potresti incorrere in dei tranelli. Difatti ci sono tante agenzie con un grande seguito e ce ne sono tante altre che non sono poi così popolari. Troverai agenzie con tantissime recensioni mentre ce ne saranno alcune che sembrano sconosciute e prive di interesse da parte degli utenti. Bisogna considerare tanti fattori per la scelta e un buon metro di giudizio riguarda come le agenzie gestiscono la propria immagine online ed offline anche se questo non è l’unico parametro a ci dare attenzione. 

4. Richiedi più preventivi e non decidere mai in fretta

Dopo aver compiuto questa veloce analisi sarai pronto per selezionare le agenzie di comunicazioni che più si avvicinano alle tue esigenze. Per questo il prossimo step sarà quello di fare richiesta di più preventivi e attendere le proposte che giungeranno. Prenditi tutto il tempo che ti serve per decidere e non compiere mai questa scelta con troppa fretta perché, come ben saprai, le decisioni importanti devono essere prese con calma e freddezza. Per prendere una buona decisione, quindi, dovrai valutare la vicinanza fisica e quella tecnica oltre ai servizi offerti, alla reputazione e al rapporto qualità/prezzo proposto nei preventivi. Solo valutando tutti questi fattori sarai davvero soddisfatto della tua scelta

Come creare volantini accattivanti

La stampa di volantini a5 è uno degli strumenti di marketing più efficaci e convenienti, disponibili. Sono economici, veloci da produrre, pur essendo attraenti e informativi.

Tuttavia, non tutti hanno gli strumenti e le competenze per progettare il proprio volantino. La maggior parte degli strumenti professionali come Photoshop o Illustrator sono troppo costosi o complicati da usare, ed anche assumere un graphic designer per creare il tuo volantino è una buona opzione, ma anche qui risulta costoso e richiede tempo.

Fortunatamente, ci sono alternative. Ci sono strumenti disponibili online che puoi usare per progettare il tuo volantino, come Canva, e una volta che hai un design puoi inviarlo a tipografie online per assicurarti che il tuo fantastico design sia stampato professionalmente, con i controlli delle opere d’arte e anni di esperienza.

Ecco come creare un volantino online:

Step 1

Cosa vuoi sapere? Ecco considera tutte le informazioni di cui avresti bisogno sul tuo volantino; fanne un elenco e, se necessario, dai la priorità. Inizia anche a pensare a come desideri disporlo sul volantino. Dove vuoi posizionare immagini, testo, titoli? Un volantino deve essere accattivante con una combinazione di colori vivaci e design accattivante per attirare l’attenzione. Il tuo pezzo di testo iniziale e più grande deve essere il più coinvolgente, sia che si tratti di uno sconto o di un evento; devi identificare che cosa incoraggerà i rando a esplorare ulteriormente e cercare te. A proposito, ricorda di avere sempre le tue informazioni di contatto su un volantino, di solito in grassetto ma in testo più piccolo, nell’angolo in basso a destra o a sinistra del volantino.

Step 2

Quale modello vuoi scegliere? In questa fase, puoi anche scegliere la dimensione e l’orientamento del tuo volantino, ad esempio; vuoi che sia un volantino su un lato o su un lato? Per quanto riguarda le dimensioni, A5 è la dimensione più utilizzata per i volantini poiché sono compatti, ma con spazio sufficiente per i tuoi progetti e messaggi, oltre; le persone hanno più probabilità di prenderli. Per più messaggi personali viene utilizzato A6 e quando si tenta di fare annunci anziché “invito alle azioni”, viene utilizzato A4, per una maggiore visibilità. Infine, dovresti anche scegliere un modello di progettazione in base al tuo settore / evento / motivo per creare un volantino. Canva, ad esempio, ha milioni di immagini e modelli professionali tra cui scegliere.

Step 3

Dopo aver scelto il modello di volantino, puoi iniziare a modificare il disegno secondo le tue preferenze. Canva è dotato di centinaia di foto, grafica e caratteri diversi che puoi utilizzare. Se desideri utilizzare le tue foto o il design esistente, la maggior parte degli strumenti online ha una funzione di caricamento. È qui che entrano in gioco le informazioni prioritarie dall’alto, ricorda; testo accattivante, testo informativo e informazioni di contatto / dettagli dell’evento. Un buon consiglio per fornire informazioni è usare i punti elenco, sono più attraenti di un semplice muro di testo e sono molto più chiari. Ricorda di essere chiaro anche con la data, l’ora e il luogo, usa indirizzi e date complete. Dopotutto, l’ultima cosa che vuoi è fare in modo che le persone investano nel tuo evento.

Non ti limitare a cambiare semplicemente la grafica e il testo del tuo modello. Aggiungi o rimuovi immagini o testo. Modifica i colori, i caratteri e forse anche il layout. Solo perché stai utilizzando un modello di volantino, ciò non significa che non dovresti dargli il tuo sapore.

Step 4

Una volta terminata la modifica del volantino, salva il tuo lavoro e continua a scegliere le tue preferenze di stampa.

In questo passaggio, puoi scegliere come stampare il tuo volantino (sorpresa). Scegli se vuoi carta spessa o sottile. Scegli se vuoi una finitura opaca o lucida sul tuo volantino.

Step 5

Una volta terminata la progettazione e la scelta delle preferenze di stampa, è tempo di completare l’ordine. In questo passaggio, specifica quanti volantini vuoi stampare e il tempo di consegna. Quando hai deciso, tutto ciò che resta da fare è pagare per la stampa. E dopo tutti questi consigli dandy a portata di mano.

Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica

Cos’è la chirurgia plastica, protesica e estetica?

La chirurgia plastica copre interventi di rimodellamento del corpo e di chirurgia estetica. Reso storicamente necessario a causa delle guerre, a partire dalla prima guerra mondiale, la chirurgia riparativa, supportata dalla sicurezza sociale, lavora per ricostruire e migliorare l’aspetto del corpo a seguito di una malformazione congenita, incidente o intervento chirurgico. Con il passare degli anni, alla chirurgia ricostruttiva si è affiancata la chirurgia estetica. Essa non è rimborsata dalla previdenza sociale, con l’eccezione, rivolta alle persone che vogliono migliorare il proprio aspetto fisico, e che soffrono di disturbi psicofisici, per sentirsi meglio con se stesse. 

Perché ricorrere alla chirurgia plastica, riparativa o estetica?

La chirurgia riparativa mira a ripristinare l’integrità del corpo e del viso, in modo che la persona possa ricostruirsi una vita sia fisicamente che moralmente, dopo un trauma – ustioni, morsi, incidenti.

Esse intervengono anche per correggere una malformazione, come un labbro leporino nei bambini o un seno troppo grande. La chirurgia riparativa si concentra anche sulla ricostruzione del corpo danneggiato da un intervento chirurgico, come ad esempio il montaggio di una protesi mammaria a seguito della rimozione del seno (mastectomia). In pieno svolgimento in una società in cui prevale l’apparenza, la chirurgia estetica mira a ripristinare l’autostima. Raffinamento di una silhouette, liposuzione della pancia o delle gambe, correzione del naso (rinoplastica), lifting, chirurgia intima.

Le ragioni per ricorrere da un chirurgo plastico a Verona o in altra parte d’Italia, dipendono da molti fattori personali che variano di persona in persona.

Come scegliere il tuo chirurgo plastico?

Scegliere dei professionisti della salute e della bellezza solo sul Web non è il modo migliore per scegliere un chirurgo plastico. Questo professionista deve ovviamente essere riconosciuto innanzitutto dall’Albo dei medici. Inoltre, il chirurgo plastico non può sempre aderire alle richieste del suo paziente e la sua onestà in materia spesso dimostra una garanzia di affidabilità, come la sua trasparenza in materia tariffaria in caso di un intervento estetico (attenzione ai prezzi troppo bassi, tenendo conto dei costi fissi). In ogni caso, deve ispirare fiducia nella persona che sta per essere trasformata dalle sue cure.

Quali sono i rischi della chirurgia estetica?

Se la chirurgia estetica è molto efficace oggi, le operazioni che si eseguono comportano dei rischi (come ogni intervento chirurgico) di cui il paziente deve essere informato. Queste procedure richiedono l’anestesia, locale o più spesso generale, i cui rischi associati sono esposti dall’anestesista durante la consultazione pre-anestetica. Il chirurgo deve anche aver cura di prevenire ed eliminare i rischi di infezione ed emorragia. Inoltre, alcune persone guariscono meglio di altre, anche se le cicatrici ipertrofiche (tessuto in eccesso) di solito si appiattiscono dopo alcuni mesi. Per quanto riguarda le protesi e le protesi mammarie, possono causare allergie, spostamenti o indurimenti che il medico deve trattare. La chirurgia estetica presenta infine rischi psicologici. La trasformazione non è banale e i risultati possono essere deludenti rispetto alle aspettative previste. Attenzione anche alla tentazione di moltiplicare le operazioni per sentirsi meglio. I rischi non sono trascurabili.

Ottieni uno stage in un’agenzia pubblicitaria!

Non è facile ottenere uno stage in un’agenzia di comunicazione a Roma o in altri Paesi! Ecco 6 modi originali per applicare!

Lo possiamo vedere dall’elevato numero di domande trasmesse sul nostro sito Web, ma non è una sorpresa: i tirocini nelle agenzie pubblicitarie sono molto ricercati. In questo settore in cui ci sono così tanti chiamati e così pochi scelti, come distinguersi dalla massa? Per ispirarti.

1. Una campagna di Google Adwords

Alec Browstein ha guadagnato notorietà grazie alla sua campagna su Google Adwords. Basandosi sull’idea che i gestori di agenzie amano cercarsi su Google, ha acquistato le parole chiave dai loro nomi. Quando si sono cercati nel motore di ricerca, hanno visto il loro sito Web personale apparire prima nei risultati con il messaggio.

2. Un CV su Google Maps

Il copywriter Ed Hamilton ha creato un CV originale utilizzando l’applicazione Google Maps. Un’ottima idea per chi ha esperienza lavorativa internazionale!

3. Un CV sotto forma di ricerca in Google

Le molteplici funzioni e applicazioni di Google incoraggiano sicuramente la creatività … Eric Gandhi ha messo insieme un CV come il motore di ricerca di Google. Inserendo le parole chiave “Creativo + Lavoratore + Talento + Eccellente Designer + Unico + Autodidatta” nella barra di ricerca, ha mostrato l’essenza della sua candidatura nei risultati.

4. Un primo contatto su Twitter

I creativi Bas Van de Poel e Daan van Dam hanno approfittato del fatto che gli inserzionisti utilizzano regolarmente Twitter. Sapendo che gli ultimi cinque abbonati sono visualizzati sulla destra della pagina del profilo, hanno creato cinque account che portano al loro portafoglio con foto del profilo. Hanno quindi seguito i conti di diversi direttori della creazione di grandi agenzie. 

5. Un sito Web personalizzato per il recruiter

Ecco un’idea per una candidatura che richiede un po’ più tempo e preparazione … Lindsay Blackwell ha presentato la sua candidatura attraverso un sito web specificamente indirizzato a Lisa Rodgers, vicepresidente delle comunicazioni dell’Università di Michigan. Questa iniziativa gli ha permesso di ottenere un colloquio.

6. Un video interattivo su Youtube

Immagini e video riescono ad attirare l’attenzione. Graeme Anthony è riuscito a ottenere un lavoro presentando il suo CV in una serie di video interattivi su YouTube. Un modo dinamico e originale per presentare le tue abilità nella produzione video!